AAA Cercasi F&B Manager.

Pochi Food&Beverage Manager, ma soprattutto poco qualificati.
La figura e la professione del F&B manger sono ancora improntate ad un generale pressappochismo, ad una mancanza di formazione specifica e ad una scarsità di riconoscimento del loro valore persino nel settore in cui sono più indispensabili, quello dell’ospitalità. E questo vale quasi solo per l’Italia, paese dove la ristorazione e lhotellerie avrebbero un gran bisogno di queste figure. Moltissimi sono gli hotel che, soprattutto per motivi di budget, decidono di farne a meno, se va bene scelgono di formare con qualche corso di base un proprio dipendente, per esempio maitre, chef o sommelier.
Di fatto però queste persone non sono deputate solo al F&B management, ma anche a diverse altre attività, così che non hanno molto tempo per approfondire e specializzarsi nel settore. Ancora più grave il fatto che, anche se il Food&Beverage Manager è presente in albergo, non sia sufficientemente preparato o addirittura non abbia la naturale attitudine a svolgere questo ruolo, per diventare un proffessionista qualificato. Nel caso degli hotel indipendenti medio-piccoli – in Italia di fatto la maggioranza, se escludiamo le poche catene presenti nella Penisola – spesso non ci sono le risorse necessarie per affidarsi ad un professionista Food&Beverage o ad un’agenzia esterna, e si vengono a creare figure “ibride” incapaci di fare un lavoro di qualità. Come sapere quindi se la persona dello staff che scegliamo di formare o che assumiamo per occuparsi di questo compito, ha le caratteristiche giuste per diventare un F&B qualificato?
Le capacità che si devono individuare in un Food&Beverage Manager
1. Conoscenze economiche: deve sempre essere aggiornato sull’andamento dell’economia, perché la sua quotidiana attività è strettamente connessa alle tendenze di mercato.

2. Capacità analitiche e matematiche: è fondamentale essere dotati di spirito critico e riuscire ad analizzare più dati contemporaneamente, ma anche intuire trend e variazioni. Deve anche essere molto bravo con numeri e calcoli, anche complessi, quindi è necessaria almeno una buona formazione matematica di base.

3. Conoscenza del funzionamento dei fogli elettronici: inutile dire che i Food&Beverage Manager lavorano molto con fogli elettronici per gestire calcoli e statistiche come Excel o simili, dunque è fondamentale una conoscenza approfondita di questa tipologia di programmi. Il Food&Beverage Manager dovrebbe essere in grado non solo di fare calcoli base ma anche di creare tabelle pivot, macro, grafici, ecc…

4. Attitudine all’utilizzo di software e applicazioni: per fare Food&Beverage Manager è necessario conoscere a fondo ed utilizzare sistemi informatici specifici, da una basilare gestione di magazzino a strumenti più complessi. La persona che se ne deve occupare dovrebbe quindi essere pratica di software ed applicazioni digitali.

5. Amante della gastronomia: sembra banale, ma molto spesso ci si trova di fronte a lacune enormi in fatto di tencniche di preparazione e merceologia. Una buona conoscenza di internet aiuta a trovare le news di settore necessari a tenere il F&B Manager informato ed aggiornato. La partecipazione ad eventi e fiere aiuta a completare il costante aggiornamento necessario su concorrenza, novità e trend di settore.

6. Determinato e convincente: deve essere autonomo nella creazione di strategie di pricing basate su calcoli e statistiche precise, che poi dovrà presentare di fronte al team esecutivo e ai proprietari dell’hotel, spesso andando a difendere la propria opinione contro mentalità antiquate e poco propense ai cambiamenti.

7. Esploratore: sebbene ogni decisione debba essere presa sulla base di dati certi e statistiche attuali, è bene che il Food&Beverage Manager sia capace ogni tanto di sperimentare, tentare nuove strade e anche rischiare, solo così potrà migliorarsi e ridurre i margini di errore.

8. Vincente: si tratta di una dote caratteriale, ma è importante che un Food&Beverage Manager agisca al solo scopo di vincere, di migliorare costantemente i propri risultati. Fare Food&Beverage management è come giocare a PacMan: dipende tutto dall’adrenalina per superare il proprio punteggio massimo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...